Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Adozione di persona maggiorenne

 ex art. 291 s.s. c.c. come modificati dalla l. n. 184 del 4/5/1983

 

COSA E’         Riguarda l’adozione di una persona con più di 18 anni di età. Con questo procedimento l’adottato aggiunge al proprio il cognome dell’adottante, acquista i diritti anche successori e assume gli obblighi come un figlio.


CHI PUO’ RICHIEDERLO       L’adottante deve aver compiuto 35 anni di età (riducibili a 30 se il Tribunale lo giustifica), e l’adottato deve avere almeno 18 anni in meno di lui. Chi adotta non deve avere figli salvo casi eccezionali da valutarsi caso per caso. Per l’adozione ordinaria serve il consenso: – di chi adotta e suo eventuale coniuge; – di chi è adottando e suo eventuale coniuge; – dei figli dell’adottante (nei casi ammessi); – dei genitori dell’ adottando.


ASSISTENZA DI UN DIFENSORE L’assistenza di un Avvocato è indispensabile.


COME SI RICHIEDE e DOCUMENTI NECESSARI         Al ricorso occorre allegare i seguenti documenti: – estratto dell’atto di nascita dell’adottante; – certificato di residenza dell’adottante; – stato di famiglia dell’adottante; – atto di notorietà o dichiarazione sostitutiva a norma dell’art. 4 l. 15/68 attestante che l’adottante non ha discendenti legittimi o legittimati; – atto di notorietà o dichiarazione sostitutiva attestante che l’adottando non è stato adottato da altri; – atto integrale di nascita dell’adottando; stato di famiglia dell’adottando; – certificato di morte dei genitori dell’adottando, se deceduti. Il ricorso si propone davanti al Tribunale del luogo di residenza del/dei convenuti. Deve essere prodotto il certificato di residenza del convenuto. Il ricorso è trattato dalla I Sezione Civile. Il ricorso per l’adozione di persona che ha compiuto la maggiore eta e diretto al Presidente del Tribunale e deve contenere, tra l’altro, la richiesta di fissazione dell’udienza per la prestazione dei consensi dell’adottante e dell’adottando e dei coniugi dell’adottante e dell’adottando, se coniugati e non legalmente separati. E’ opportuno, ai fini di una maggiore celerità negli adempimenti successivi al deposito della sentenza, che l’adottando elegga domicilio presso lo stesso difensore dell’adottante.


QUANTO COSTA – Contributo unificato: € 98,00 – Marca da bollo da € 27,00


TEMPI 6/7 mesi


POSSIBILITÀ DI IMPUGNAZIONE