Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Protezione internazionale – D.lg. 25/2008 e ex art. 19 D.lg. 105/2011

 

COSA E’         Lo straniero che abbia fatto ingresso in Italia e che fugge da persecuzioni, tortura o dalla guerra, può fare domanda per il riconoscimento della protezione internazionale. In caso di provvedimento di diniego della domanda emesso dalla Commissione Territoriale presso la Prefettura, può proporre ricorso contro il provvedimento, al Tribunale del capoluogo di distretto di Corte d’appello dove ha sede la Commissione Territoriale.


CHI PUO’ RICHIEDERLO Lo straniero nei confronti del quale e’ stata rigettata l’istanza di protezione internazionale da parte della Commissione Territoriale.

Necessità di nominare un Difensore L’assistenza di un Avvocato e’ obbligatoria.


COME SI RICHIEDE e DOCUMENTI NECESSARI Per la presentazione della domanda e’ necessario depositare i seguenti documenti: – Ricorso ex art. 702 bis c.p.c.; – Provvedimento di diniego della domanda notificato; – Ogni altro documento rilevante ai fini del riconoscimento della protezione internazionale.


QUANTO COSTA – Contributo unificato di € 98,00 – Marca da bollo da € 27,00


TEMPI Dagli 8 ai 24 mesi.


POSSIBILITA’ DI APPELLO Reclamo alla Corte d’Appello competente, entro gg. 15 dalla comunicazione della decisione di 1° grado. avverso la sentenza di 2° grado e’ possibile proporre ricorso per Cassazione.